Le parti hanno il diritto di affrontare l’istruzione dibattimentale avendo chiaro il quadro probatorio di cui possono disporre.

Il Codice di rito prevede, infatti, il diritto alla prova contraria: ove siamo stati ammessi i mezzi di prova richiesti dall’accusa, “l’imputato ha diritto all’ammissione delle prove indicate a discarico sui fatti costituenti oggetto delle prove a carico”. È previsto inoltre che la prova contraria sia sempre pertinente, salvo il vaglio sulla rilevanza da parte del giudice (art. 495 comma 2 c.p.p.).

La Divisione Indagini Penali Difensive di P & P INVESTIGAZIONI S.r.l. verifica ed analizza gli elementi di prova portati avanti dall’accusa, attraverso una mirata attività investigativa in tal senso, che spesso può condurre ad una vera e propria svolta del processo.

Torna alla sezione Indagini Penali Difensive

Contattaci